Timorasso DOC Derthona
Free Gift

  • Vendita
  • €16.30


 Scheda Tecnica

Vitigno: Timorasso 100% da antiche vigne selezionate nel comune di Tortona

Esposizione ed altitudine: sud-est, 250-300 m slm

Caratteristiche del terreno: calcareo argilloso

Sistema di coltivazione: Guyot (4.000 piante per ettaro)

Età dei vitigni: fino a 40 anni Resa per ettaro: 5.000 kg/ettaro

Vendemmia: fine settembre/inizio ottobre, vendemmia a mano in piccole ceste di legno Vinificazione: pressatura soffice, sfecciatura, fermentazione a temperatura controllata e affinamento sulle fecce nobili

Contenuto alcolico: 13-15° % Vol.

Colore: giallo paglierino, nitido e di media intensità, limpidissimo

Profumo: intenso, lungo, continuo, persistente, floreale, fruttato con una sensazione calda e suadente in un complesso morbido ed elegante con note finali di pietra focaia

Sapore: molto tipico, lievi sentori minerali che sfumano in note di camomilla, susine mature, noce e mandorla tostata nel finale

Accostamenti gastronomici: ottimo a tutto pasto, per il dopo cena e da "meditazione". Si esalta nell'abbinamento a formaggi saporiti sui crostacei non ha rivali ma sa accompagnare con eleganza carni bianche, paté di carne e torte di verdura

Confezioni disponibili: in scatola da 6 o 12 e Magnum


Commento del vignaiolo

Dalla fine degli anni '90 Claudio Mariotto, coltiva il Timorasso e ne vinifica le uve con sempre crescente passione e soddisfazione. In qualità di produttore, l'aver creduto nel Timorasso si può spiegare nel fatto che questo vitigno, pur facendo parte da sempre della cultura del suo territorio, non ha mai avuto grande diffusione in quanto nelle sue zone si dava - chissà poi perché - preferenza alla Barbera o al Cortese. Partendo da queste considerazioni e confortato dai più sulle potenzialità qualitative del Timorasso ha deciso di cambiare gli orientamenti produttivi della sua azienda puntando su una gamma altamente rappresentativa della realtà della sua collina e del territorio su cui si trovano i suoi vigneti. Ha pensato quindi di utilizzare il vitigno autoctono per produrre un vino bianco di grande personalità che poteva essere di grande aiuto per inserirsi e collaborare con quei professionisti del gusto il cui scopo primario è la totale ricerca della qualità, identicità ed autenticità, per uscire così da un mercato sempre più inflazionato da prodotti omologati.